Home Mangiando mangiando La Sagra della salsiccia del Re, dalla ricetta di Ferdinando IV, torna...

La Sagra della salsiccia del Re, dalla ricetta di Ferdinando IV, torna a Casapulla, Caserta, il 15 e 16 settembre

398
Tempo di lettura: 2 minuti
La Sagra della salsiccia del Re

La Sagra della salsiccia del Re, dalla ricetta di Ferdinando IV, torna a Casapulla, Caserta, il 15 e 16 settembre prossimo. Due serate di divertimento e degustazione tra animazione e musica. La leggenda narra che Ferdinando IV di Borbone, grande buongustaio, ed assaggiatore del meglio della nostra terra, al punto di creare lui stesso ricette inedite, avrebbe assaporato la salsiccia della cittadina casertana e sarebbe rimasto così entusiasta del sapore e della delicatezza di quella carne da affermare: “Questa salsiccia è degna di un re”.

Sagra della salsiccia del Re. Ritorna a furor di popolo, a Casapulla, in provincia di Caserta, l’evento gastronomico più atteso dell’anno, che si terrà nei giorni di sabato 15 e domenica 16 settembre.Due splendide serate all’insegna del divertimento e della degustazione della salsiccia, secondo la ricetta di Ferdinando IV. La leggenda narra che il sovrano della casata dei Borbone, grande buongustaio ed assaggiatore del meglio della nostra terra, al punto di creare lui stesso ricette inedite, avrebbe assaporato la salsiccia della cittadina casertana e sarebbe rimasto talmente entusiasta del sapore e della delicatezza di quella carne da affermare:”Questa salsiccia è degna di un vero re.”
Sagra della salsiccia del Re. In realtà la preparazione di questa salsiccia trae origine da un’antica ricetta, appunto di re Ferdinando,  tramandata di generazione in generazione. Nel corso della sagra il pubblico  proprio sincerarsi del gusto genuino di quella carne cosi’ buona da estasiare un re. Naturalmente la Sagra della salsiccia del re non è solo gastronomia, ma anche tantissimo divertimento;  infatti, oltre agli stand di cibo, ci saranno delle postazioni in cui si potranno comprare  gli strumenti musicali tipici della nostra regione  come tammorre, castagnole, triccheballacche e tamburelli, tutti rigorosamente fatti a mano, con cui sbizzarrirsi durante la festa. Alla manifestazione  parteciperà White Tree Birra Artigianale, che proporrà le sue birre artigianali.
Tanto divertimento anche per i bambini, per i quali ci saranno i giochi di un tempo, mentre l’animazione per i più grandi è affidata a musicisti di caratura nazionale. Il sabato si esibiranno gli Artesi & Ladies, invece la domenica è in programma  lo spettacolo musicale di Carlo Faiello, “Argiento vivo”, una esibizione  coinvolgente, in cui il ritmo, l’energia e la danza svolgono  un ruolo determinante,dando vita ad un moto continuo, senza fine..

Rispondi