Home Cultura Andy Warhol, considerato “uno specchio del suo tempo”

Andy Warhol, considerato “uno specchio del suo tempo”

890
Tempo di lettura: 6 minuti
Andy Warhol e la sua Minox ©AP

Andy Warhol è meglio descritto come uno “specchio del suo tempo”. Andy Warhol è stato uno degli artisti più influenti della seconda metà del 20° secolo, con la creazione di alcune delle immagini più riconoscibili mai prodotte.

Andy Warhol, fu uno dei padri fondatori del movimento Pop art, ampliando le idee di Duchamp e sfidando la stessa definizione di arte. I suoi rischi artistici e la costante sperimentazione di soggetti e media lo hanno reso un pioniere in quasi tutte le forme di arte visiva. Il suo senso di stile non convenzionale e il suo entourage di celebrità lo hanno aiutato a raggiungere lo status di mega-stella a cui aspirava.

Autoritratto Polaroid

Andy Warhol, era il terzo figlio nato da genitori immigrati cecoslovacchi, Ondrej e Ulja (Julia) Warhola, in un quartiere popolare di Pittsburgh. Aveva due fratelli maggiori, Giovanni e Paolo. Da bambino, Andy era intelligente e creativo. Sua madre, lei stessa un’artista casuale, ha incoraggiato i suoi impulsi artistici donandogli la sua prima macchina fotografica a nove anni.

Warhol era noto per soffrire di un disturbo nervoso che lo avrebbe spesso tenuto a casa e, durante questi lunghi periodi, avrebbe ascoltato la radio e raccolto le foto di stelle del cinema attorno al suo letto. È stata questa esposizione agli eventi dell’epoca in giovane età che, in seguito, ha definito la sua ossessione per la cultura pop e le celebrità. Quando aveva 14 anni, suo padre morì, lasciando parte dei soldi della famiglia per essere specificamente utilizzati per l’apprendimento superiore di uno dei ragazzi. Fu deciso dalla famiglia che Andy avrebbe tratto maggior beneficio dall’istruzione universitaria.

Dopo essersi diplomato all’età di 16 anni, nel 1945, Warhol ha frequentato il Carnegie Institute of Technology, dove ha ricevuto una formazione formale in disegno pittorico. Poco dopo la laurea, nel 1949, si trasferì a New York, dove lavorò come illustratore commerciale. Il suo primo progetto è stato per la rivista Glamour con un articolo dal titolo “Il successo è un lavoro a New York”. Durante gli anni ’50 Warhol continuò la sua carriera di successo nell’illustrazione commerciale, lavorando per diverse riviste famose, come Vogue, Harper’s Bazaar e The New Yorke. Ha anche prodotto pubblicità e vetrine per i rivenditori locali di New York. Il suo lavoro con I. Miller & Sons, per il quale una sua stravagante trovata pubblicitaria fu particolarmente notata, gli valse una certa notorietà locale, gli furono attribuiti anche diversi premi dall’Art Director’s Club e dall’American Institute of Graphic Arts.

AW in azione nella sua Factory

Nei primi anni ’50, Andy accorciò il suo nome da Warhola a Warhol, e decise di mettersi in proprio come artista serio. La sua esperienza e competenza nell’arte commerciale, combinata con la sua immersione nella cultura popolare americana influenzò il suo lavoro notevolmente. Nel 1952 espone i Quindici disegni basati sugli scritti di Truman Capote nella sua prima mostra individuale alla Hugo Gallery di New York. Esponendo poi in varie sedi in giro per la città di New York, espose soprattutto al MoMA, dove partecipò con la sua prima mostra collettiva nel 1956. Warhol notò nuovi artisti emergenti, ammirando molto il lavoro di Robert Rauschenberg e Jasper Johns, che lo ispirarono a espandere la propria sperimentazione artistica.

A W autoritratto

Attraverso le sue serigrafie, i suoi dipinti, i suoi scritti e i suoi film, Warhol ha sfidato il pubblico americano a rivalutare il significato dell’arte in una cultura consumistica del dopoguerra. La sua arte e filosofia sono intrinsecamente legate alla cultura americana.

Nell’arco di oltre tre decenni, Andy Warhol ha realizzato un corpus di opere ancora oggi celebrate, a 31 anni dalla sua scomparsa.

Gli anni ’60 videro un’esplosione nel movimento della Pop Art e Andy Warhol divenne noto come uno dei maggiori protagonisti. Andy Warhol, come gli altri artisti pop di allora, prendeva oggetti banali di uso quotidiano e li trasformava in arte. L’idea alla base della Pop Art era di indurre gli spettatori a rivalutare questi oggetti quotidiani e cosa intendevano per la nostra cultura. La pop art presentava una sfida alle tradizioni delle belle arti includendo immagini di cultura popolare come notizie o pubblicità. Era un approccio radicale e scioccante alla creazione artistica che Warhol accettava, trasformando la pubblicità, la promozione, il packaging, il consumismo e la trasformazione in entità economiche.

Fu durante questo periodo che produsse alcune delle sue opere più iconiche, che unirono il suo fascino per tutto ciò che è glamour e celebrità con la sua storia d’amore con la produzione commerciale. È stato negli anni ’60 e nei primi anni ’70 che Andy Warhol ha prodotto alcuni dei suoi lavori più noti, come Marilyn Monroe, Campbell’s Soup Cans e Coca-Cola Bottles.

Gli anni ’70 furono un decennio più tranquillo per Warhol, in seguito ad un attentato alla sua vita, un tentato omicidio avvenuto nel 1968 a mano della scrittrice femminista Valerie Solanas. Dopo questa dolorosa parentesi, fisica e psicologica, Andy Warhol infatti, cambiò marcia, passando meno tempo nel pubblico e più tempo facendo arte su piattaforme diverse. Questa è stata l’era in cui Andy Warhol si è ramificato in altre iniziative imprenditoriali come la rivista che ha co-fondato, Interview, con il suo amico Gerard Malanga. La rivista, dedicata alle celebrità, è ancora in produzione oggi.

A W con Michael Jackson e i J5

Warhol in quel periodo cercò la compagnia nell’alta società newyorkese, e per la maggior parte degli anni ’70 il suo lavoro fu caratterizzato da ritratti commissionati derivati ​​da fotografie polaroid stampate. L’eccezione più notevole a questo è la sua famosa serie Mao che è fu realizzata come un commento alla visita del presidente Richard Nixon in Cina. Mancando del fascino commerciale dei suoi ritratti precedenti, i critici vedevano Warhol come prostituto del suo talento artistico considerando per lui, quest’ultimo un periodo di declino. Tuttavia, Warhol ha visto il successo finanziario come un obiettivo importante.

Volendo continuare la sua esplorazione di diversi mezzi, Warhol iniziò a sperimentarsi anche nel cinema nel 1963. Dopo un viaggio a Parigi per una mostra del suo lavoro, annunciò che si sarebbe ritirato dalla pittura per dedicarsi esclusivamente al cinema. Anche se non ha mai completamente seguito questa intenzione, ha prodotto molti film, la maggior parte interpretati da quelli che ha definito Warholstars, un eccentrico ed eclettico gruppo di amici che erano noti per il loro stile di vita non convenzionale.

AW girò un film di durata 24 ore

Ha creato complessivamente, circa 600 film tra il 1963 e il 1976, di lunghezza variabile da pochi minuti a 24 ore. Ha anche sviluppato un progetto chiamato Exploding Plastic Inevitable , o EPI, nel 1967. L’EPI era una produzione multimediale che combinava le musiche della rock band The Velvet Underground con proiezioni di film, luce e danza, culminando in un’esperienza sensoriale di performance art.

Verso la fine degli anni ’70 e ’80, Warhol fece un ritorno alla pittura e produsse opere che spesso sfioravano l’astrazione. La serie di Oxidation Painting , che è stata realizzata urinando su una tela di rame, ha fatto eco all’immediatezza degli espressionisti astratti e alla crudezza dei dipinti a goccia di Jackson Pollock . Negli anni ’80, Warhol aveva riacquistato gran parte della sua notorietà critica, in parte grazie alla sua collaborazione con Jean-Michel Basquiat e Francesco Clemente , due artisti molto più giovani e all’avanguardia. Negli ultimi anni della vita di Warhol, si rivolse a soggetti religiosi; la sua versione dell’ultima cena di Leonardo da Vinci è particolarmente rinomata. In queste opere, Warhol fonde il sacro e l’irriverente giustapponendo loghi più ampi di marchi contro le immagini di Cristo e dei suoi Apostoli.

Andy Warhol è scomparso il 22 febbraio 1987, a 59 anni, proprio dopo l’inaugurazione della mostra dei dipinti dell’Ultima cena. Dopo aver lamentato un forte dolore addominale, fu programmato per un intervento chirurgico urgente alla cistifellea, all’Ospedale di New York. Morì successivamente al ricovero dopo aver sofferto di complicazioni postoperatorie.

Dietro di lui, Warhol ha lasciato un’eredità di arte, film, scrittura e celebrità. Due anni dopo la sua morte, fu annunciato il piano per costruire l’Andy Warhol Museum di Pittsburgh, che seguì l’istituzione della Andy Warhol Foundation per le arti visive. La sua influenza continua a raggiungere molto oltre la portata di pittori e incisori, ispirando non poco la generazione di pensatori di oggi con i contributi che ha apportato alla cultura americana nel corso della sua vita.

La Minox fu uno dei grandi amori di Andy Warhol, che ne acquistò una nel 1976 e la utilizzò per il suo libro fotografico “Exposure”.
Minox EL

Rispondi