Home Musica Bruno Venturini, cantante originario di Pagani, ambasciatore della canzone napoletana nel mondo

Bruno Venturini, cantante originario di Pagani, ambasciatore della canzone napoletana nel mondo

89
Tempo di lettura: 2 minuti

Bruno Venturini, pseudonimo di Bonaventura Esposito, cantante originario di Pagani, definito l’ambasciatore della canzone napoletana nel mondo. Fu infatti il primo artista italiano dell’occidente ad essere invitato in Cina. Oltre cento milioni di dischi venduti in tutto il globo terrestre, nell’arco della sua brillantissima carriera. Laurea honoris causa in Scienze della comunicazioni conferitagli dall’Università Di Bruxelles, e laurea in Storia della Musica dall’Università Ruggiero II di Miami, entrambe nel 2011.

Bruno Venturini, pseudonimo di Bonaventura Esposito, cantante nativo di Pagani, in provincia di Salerno, rappresenta, senza dubbio alcuno, l’ambasciatore della canzone napoletana nel mondo. Oggi settantaduenne, Venturini deve la sua fama alla grandissima reinterpretazione dell’enorme repertorio della canzone partenopea. Grazie alla sua popolarità ha tenuto numerosi concerti nelle più grandi città del mondo, in cui  ha interpretato il suo maggiore successo: l’antologia dei grandi successi della canzone napoletana. Bruno Venturini fu il primo artista italiano dell’occidente ad essere invitato in Cina. Nel corso della sua brillantissima carriera ha venduto oltre cento milioni di dischi in tutto il mondo.
Venturini cominciò giovanissimo la sua avventura di cantante, infatti aveva solo quindici anni quando debuttò a Napoli, nella manifestazione canora “Porta Capuana in Festa” del 1959. Quella festa fu l’origine del suo futuro strepitoso successo. Infatti arrivò il primo disco edito dalla Universal, che lo avrebbe poi consacrato definitivamente come ambasciatore della musica napoletana nel mondo. Tra i tanti riconoscimenti ottenuti, quello di Grande Ufficiale della Repubblica Italiana, conferitogli nel 1995 dall’allora presidente Scalfaro per meriti artistici internazionali.
Con la medesima giustificazione, il 15 aprile 1972 era stato insignito del titolo di accademico classe Nobel dall’Accademia delle lettere, scienze ed arti di Milano.  Fu nominato, quindi, nel 2005, assieme ad artisti importanti quali Antonello Rondi, Mario Trevi e Mario Merola, Cavaliere dell’Ordine di Malta, nella splendida cornice di un  Grand Hotel, nella provincia di Napoli. Il famoso cantante napoletano Sergio Bruni influenzò non poco la crescita artistica di Bruno Venturini. Con lui fece il suo esordio nel musical “Bruni canta Bruni, diventando, ben presto l’allievo prediletto del maestro.
Il debutto internazionale di Venturini avvenne prima in Canada e poi  negli stati Uniti nel 1964. Fu un enorme successo. La sua fama arrivò anche in Russia, dove nel 1968 tenne una tournèe, in tutta l’Unione Sovietica con ben 80 concerti. Nel 1985 Bruno Venturino pubblicò il disco più venduto nel mondo, ossia “L’oro di Napoli”, una raccolta tratta dal romanzo di Marotta, con i più famosi brani della canzone partenopea. Nel 2011, due lauree honoris causa: la prima in Scienze della comunicazione da parte dell’Università di Bruxelles e la seconda in Storia della Musica , conferitagli dall’Università Ruggiero II di Miami.
Fra le sue canzoni più celebri ricordiamo: O’ paese d’o’ Sole, Silenzio Cantatore, Funiculì Funiculà, Oilì oilà, Maria Marì, Nu quarte e luna, Simme e Napule paisà, Fenesta vascia e tantissime altre altrettanto belle.

Rispondi