Home Cultura La Scapigliata, capolavoro del grande Leonardo da Vinci, in mostra a Palazzo...

La Scapigliata, capolavoro del grande Leonardo da Vinci, in mostra a Palazzo Zevallos, a Napoli

2211

La Scapigliata, capolavoro del grande Leonardo da Vinci, in mostra a Palazzo Zevallos, a Napoli. L’esposizione del dipinto che ritorna nella metropoli campana dopo oltre trent’anni, si terrà da venerdì 6 luglio, fino al 2 settembre 2018.

La Scapigliata, capolavoro del grande Leonardo da Vinci sarà nella città partenopea, in mostra, presso lo splendido Palazzo Zevallos, di via Toledo, peraltro sede delle Gallerie di Napoli. L’esposizione della Scapigliata del grande Leonardo da Vinci, si terrà da venerdì 6 luglio e si protrarrà fino al 2 settembre prossimo. Da ricordare che questo dipinto mancava da Napoli da oltre trent’anni.

La Scapigliata, capolavoro del grande Leonardo da Vinci, dunque, arriva nella capitale del Mezzogiorno, qual è la bellissima  e monumentale città di Napoli,  per allietare  ancor di più l’estate dei cittadini partenopei che potranno godere di una mostra in cui la stessa sede, Palazzo Zevallos, è tanto spettacolare per bellezza e storia, quanto la stessa opera del pittore fiorentino. “La Scapigliata”, capolavoro attribuito, all’unanimità, da critici e storici dell’arte al talento impareggiabile di Leonardo, è capace di parlare al pubblico di tutte le epoche.
Proprio in occasione del cinquecentesimo anniversario  della dipartita del talento toscano, “La Scapigliata”, custodita, presso la Galleria Nazionale della città di Parma fa ritorno a Napoli. L’ultima volta che la Scapigliata, capolavoro del grande Leonardo da Vinci,  fu all’ombra del Vesuvio, risale al 1984, anno in cui fu tenuta  una speciale mostra, al Museo di Capodimonte, dedicata a Leonardo ed all’influenza  sull’arte del poliedrico  genio di Vinci. Naturalmente Palazzo Zevallos non sarà affatto impreparato all’arrivo di questa straordinaria opera d’arte. Già nel passato la storica sede delle Gallerie d’Italia aveva ospitato celebri  opere di artisti come Picasso e Vincenzo Gemito, per non dimenticare, poi  la collezione napoletana custodita all’interno dello struttura, che conserva le più belle opere della Scuola di Posillipo e del Mancini.

Una visionaria Salomè di Luca De Fusco, alla rassegna Pompeii Theatrum Mundi

Rispondi