Home Attualità Distribuzione gratuita del pane benedetto di Sant’Antonio, domani a Napoli

Distribuzione gratuita del pane benedetto di Sant’Antonio, domani a Napoli

438
Tempo di lettura: 2 minuti

Distribuzione gratuita del pane benedetto di Sant’Antonio, domani a Napoli. La tradizione si rinnova puntualmente, ogni anno, nel capoluogo campano e nell’Italia intera, dal momento che Sant’Antonio è uno dei santi più polari e stimati della nostra penisola.  L’Associazione “la voce dei quartieri spagnoli”, si incaricherà, in occasione della ricorrenza, di donare questo pane benedetto in Vico Lungo Gelso, sito proprio ai quartieri.

Domani 13 giugno, in occasione della festività di Sant’Antonio, distribuzione gratuita del pane benedetto del famoso santo, a Napoli, da parte dell’Associazione “la voce dei quartieri spagnoli”, presso il Vico lungo Gelso, sito appunto ai quartieri. La tradizione della distribuzione gratuita del pane benedetto di Sant’Antonio, si rinnova puntualmente ogni anno, sia nel capoluogo partenopeo che in tutta Italia, visto che si tratta di uno dei santi più popolari e stimati della nostra penisola. Del resto la solidarietà, rappresenta  uno dei punti fermi dell’associazione napoletana, molto sensibile ai bisogni della persone meno abbienti.
La distribuzione gratuita del pane benedetto di Sant’Antonio avverrà tramite degli appositi tagliandi che saranno diffusi in ogni zona dei quartieri spagnoli. Sono tantissimi  gli esercenti della zona che, in occasione di questa ricorrenza, hanno deciso di sponsorizzare la bella iniziativa benefica. Negozi di abbigliamento, Consorzio taxi, bar, pasticcerie, agenzie di scommesse, gioiellerie, pizzerie, pelletterie e studi legali si sono resi protagonisti della realizzazione del progetto, tanto a cuore all’Associazione la voce dei quartieri spagnoli. Proprio in virtù del prezioso contributo economico  sarà possibile, sia la produzione in abbondanza del pane, sia la relativa distribuzione di domani mattina.
Per la cronaca la devozione nasce di sicuro dall’iniziativa del “pane dei poveri” che molti anni or sono  era  viva e diffusa nelle chiese. Anche attualmente  in diverse chiese legate  particolarmente a sant’Antonio, il 13 di giugno, giorno della sua festa, si è soliti benedire dei piccoli pani, che poi vengono distribuiti ai fedeli e consumati per devozione. In realtà l’iniziativa trae le sue origini nel miracolo della resurrezione per intercessione del Santo ,del piccolo Tommasino, bimbo di soli 20 mesi  i cui genitori abitavano nei pressi della chiesa del beato Antonio di Padova. Un giorno il bimbo fu lasciato incautamente dalla mamma vicino ad un recipiente colmo d’acqua. Improvvisamente Tommasino si trovò con la testa all’ingiù nel recipiente pieno d’acqua.
La madre accortasi di quanto stava accadendo, gridando, tirò fuori il figlioletto ormai esanime. Urlando e piangendo di dolore attirò l’attenzione del vicinato. Quindi molti corsero sul posto e si avvidero della morte del piccolo. La madre di Tommasino, allora cominciò a pregare implorando l’intercessione del beato Antonio, facendo  voto di distribuire a tutti i  poveri la quantità di grano relativa  al peso del suo bambino  se il beato Antonio l’ avesse risuscitato. Trascorsi alcuni minuti, il bambino risorse e fu immediatamente messo tra le braccia della madre, ancora singhiozzante.

Rispondi