Home Attualità Giugliano in Campania: Paradiso o Inferno? Cosa sta succedendo alla cittadina a...

Giugliano in Campania: Paradiso o Inferno? Cosa sta succedendo alla cittadina a nord di Napoli?

789
Tempo di lettura: 2 minuti
Giugliano in Campania Paradiso o Inferno? Cosa sta succedendo alla cittadina a nord di Napoli-1

Giugliano in Campania: Paradiso o Inferno? L’ arte si è trasformata in cronaca, la poesia e la prosa sono diventate irriconoscibili in questo territorio, a causa di innumerevoli nefandezze.

Giugliano in Campania: Paradiso o Inferno?: Cosa sta succedendo alla cittadina a nord di Napoli? Gli scherzi del destino sono imprevedibili e spesso stravolgenti, visto che sono capaci di tramutare un territorio in un’autentica sorta di girone infernale di dantesca memoria. L’avidità umana non ha limiti, pur di far quattrini, si mette a rischio la vita di tanti innocenti. Il cumulo montagnoso di rifiuti sia organici che tossici, del sito di Taverna del Re ha portato degrado, malattie e tanta amarezza. La scellerata scelta di insediare da queste parti discariche, luoghi di stoccaggio di ecoballe, aree di compostaggio rifiuti, ha letteralmente distrutto una bellissima località del napoletano.

Napoli fashion on the road a supporto dell’arte a Giugliano in Campania

Giugliano in Campania: Paradiso o Inferno? Cosa sta succedendo alla cittadina a nord di Napoli? L’ arte si è trasformata in cronaca, la poesia e la prosa sono diventate irriconoscibili a causa della puzza e di quelle brutture. Gian Battista Basile, letterato e scrittore italiano, giuglianese doc, vissuto tra il sedicesimo e diciassettesimo secolo, all’epoca barocca, artefice della fiaba come forma di espressione popolare, non avrebbe mai immaginato che, quasi cinque secoli dopo, la sua terra d’origine si sarebbe ridotta da Paradiso a inferno. Tutto questo per volere di chi?
Giugliano in Campania: Paradiso o Inferno? Giugliano, un tempo, era la patria della mela annurca, città natale dell’illustre Gianbattista Basile, mentre ora è localita dove pare sia vietato sognare. Il povero letterato, sepolto nella chiesa di Santa Sofia a Giugliano, cosa avrebbe mai scritto, in quest’epoca?  Di sicuro, non più fiabe.
Giugliano in Campania: Paradiso o Inferno? Purtroppo in quel territorio, oggi come oggi,  si muore di cancro a soli 40 anni, per non parlare dei bambini che nascono con malformazioni e malattie congenite. In  tanti affermano che è sempre difficoltoso accertare il rapporto di causa ed effetto tra la crescita dei tumori e la presenza di elementi inquinanti interrati, ormai da anni. Giugliano, terza città per popolazione nella regione Campania avrebbe bisogno di una grandiosa bonifica territoriale, tuttavia molto costosa. Chissà se un giorno non lontano l’Inferno di Giugliano non possa ritornare quel paradiso tanto decantato dal noto fiabista, nato in quella terra.

Rispondi