Home Attualità Intervista a Gerardo Bruno, autore del libro “Il sogno del guerriero: Le...

Intervista a Gerardo Bruno, autore del libro “Il sogno del guerriero: Le forche caudine”

1413
Tempo di lettura: 3 minuti

Intervista a Gerardo Bruno, autore del libro “Il sogno del guerriero: Le forche caudine”. Il romanzo storico. Conoscere la storia dei propri territori, aiuta a comprenderli e, allo stesso tempo, a rispettarli maggiormente.

Intervista a Gerardo Bruno: Essere consapevoli della nostra storia, ci aiuta a rispettare i nostri territori e a valorizzarli maggiormente. Del resto, ciò che siamo ora dipende dai corsi e ricorsi del passato, dal dna dei nostri avi. Se poi si scopre che questi ultimi, sono stati anche valorosi, coraggiosi e mai domi, mettendo in scacco nientedimeno che il grande Impero romano, ciò dovrebbe alimentare in noi l’orgoglio e provare a partire proprio da questi dati per rilanciare un territorio che ultimamente ne ha tanto bisogno.

La vicenda delle Forche Caudine.

Intervista a Gerardo Bruno: Gerardo Bruno, autore dell’apprezzatissimo libro “Il sogno del guerriero: Le forche caudine”, edito Herkules Books, innerva il proprio intreccio narrativo nel celebre episodio che fece venire alla ribalta i Sanniti dopo aver umiliato i nemici romani nel proprio territorio. Un romanzo che celebra le gesta di un popolo gagliardo che si arrese ai più forti e organizzati avversari, soltanto dopo tre lunghe battaglie. Impiegato presso l’ufficio tributi del Comune di Montella, amena e tranquilla località dell’Irpinia, Gerardo Bruno è da sempre grande appassionato di storia romana ed esperto di numismatica al punto che ha deciso di cimentarsi nella stesura di un libro tutto suo che nel breve spazio di poco tempo, ha raggiunto un grande successo con quasi quaranta presentazioni e ben due premi letterari conseguiti. Lo abbiamo intervistato, desiderosi di conoscere di più sul suo conto.

Appassionato di storia romana.

L’autore, esordisce, raccontandoci subito da dove scaturisce l’idea di scrivere un romanzo dedicato a questa tematica:”Sono da sempre un grande appassionato di storia romana, e quindi ho deciso di partorire questa idea. Non solo, però, storia. In questo romanzo, si intrecciano anche vicende amorose che si mescolano sapientemente con battaglie e duelli per regalare al lettore, forti emozioni. “Conosco molto bene Nicola Mastronardi, autore del libro “Viteliu – Il nome della libertà”, pubblicato nel 2012, che ha avuto anch’esso un grande successo e che, similmente al mio, tratta della storia di questo grande popolo che furono i Sanniti. Nicola è un valente scrittore, un importante riferimento per me, oltre che un caro amico.”

Il romanzo storico, impulso al turismo.

Intervista a Gerardo Bruno: Alla domanda, se creda che romanzi come il suo, quello di Nicola Mastronardi “Viteliù – il nome della libertà” e quello di Antonello Santagata, “Samnes: Amore e guerra al tempo dei Sanniti”, possano compensare la scarsa bibliografia sulle popolazioni italiche, alimentando, nello stesso tempo, una vibrante curiosità per questa storia che è stata un po’ dimenticata, dando inoltre un forte impulso al turismo in Campania, (Irpinia in particolare), Molise ed Abruzzo, la sua risposta non lascia spazio ad alcuno dubbio:”Certamente! Credo fortemente in questo,anzi, il mio libro si propone di raggiungere proprio questo intento”. Un ultimo passaggio, sul presente e sul futuro; dalla prossima pubblicazione del romanzo da parte di una valente casa editrice alle bozze di un sequel già avviato:” Il mio romanzo è stato recentemente pubblicato dalla casa editrice Herkules che ha creduto fortemente nel mio progetto letterario. Sono felice del notevole successo che sto riscontrando tra il pubblico e apprendo con grande piacere che c’è ancora chi è curioso di conoscere, chi non è mai sazio di apprendere e soprattutto informarsi sulla storia dei propri territori. Mi sono dunque messo già all’opera per dare un seguito al romanzo. Ma non posso svelarvi di più”.

Rispondi