Home Calcio Roberto Mancini è il nuovo commissario tecnico della nazionale italiana; il Mancio...

Roberto Mancini è il nuovo commissario tecnico della nazionale italiana; il Mancio si svincola dallo Zenit, rinunciando a 13 mln di euro

235
Tempo di lettura: 2 minuti

Roberto Mancini è il nuovo commissario tecnico della nazionale italiana; il Mancio si svincola dallo Zenit, rinunciando a 13 mln di euro. Al termine di un lungo colloquio con l’avvocato e compagna dell’ex tecnico dell’Inter, Silvia Fortini, la dirigenza del club di San Pietroburgo  ha deciso di accettare le dimissioni dell’allenatore marchigiano. Strappato il contratto che lo legava fino al 2020.

Finalmente è giunta la fumata bianca per quanto riguarda il nuovo commissario tecnico della nazionale italiana di calcio. A guidare gli azzurri sarà Roberto Mancini, oramai ex allenatore dello Zenit San Pietroburgo. Il Mancio, pur di tornare in Italia ed assumere l’incarico di selezionatore della squadra italiana, ha dato le dimissioni, strappando il contratto che lo legava al club russo fino al 2020. Una scelta che gli costerà ben 13 milioni di euro, ovvero quello che avrebbe guadagnato, continuando l’avventura in Russia, da qui ai prossimi due anni. Proprio nelle ultime ore, dopo un lungo colloquio con il manager dell’allenatore ex Inter, peraltro sua compagna nella vita, Silvia Fortini, la dirigenza della società di San Pietroburgo ha deciso di dare via libera al proprio tecnico che, fin da domani pomeriggio, al termine dell’ultima giornata del massimo campionato di Russia, potrà finalmente rientrare nel suo paese.
Roberto Mancini, nell’arco delle prossime 72 ore ore firmerà il contratto con la Federazione italiana fino al 2020, con un ingaggio che supererà di poco i due milioni di euro. Al massimo martedì, infatti è in calendario l’incontro tra i rappresentanti della FIGC ed il nuovo commissario azzurro Roberto Mancini, che metterà nero su bianco, per iniziare l’avventura con la nazionale, dopo il disastro di Ventura. Il debutto sulla panchina dell’Italia avverrà in quel di San Gallo, in Svizzera, il 28 maggio prossimo  quando gli azzurri saranno impegnati in una gara amichevole contro l’Arabia Saudita. Successivamente sono in programma  altri due test molto probanti, prima con la Francia, a Nizza, ,all’Allianz Riviera  e quindi con l’Olanda, a Torino.
In verità la Federazione aveva già  scelto da diverso tempo l’allenatore dello Zenit, quale successore di Giampiero Ventura, probabilmente uno tra i migliori candidati per ripartire e riportare la nostra nazionale nell’elite del calcio.  Nel nuovo progetto di Roberto Mancini troverà spazio l’attaccante italiano del Nizza Mario Balotelli. Appuntamento, dunque, al 22 maggio con un primo raduno dei giocatori azzurri; la lista dei convocati sarà diramata subito dopo l’ultimo turno di campionato del 20 maggio. In bocca al lupo Mancio !

Rispondi