Home Attualità Gladiatores Pompeiorum: suggestivo spettacolo storico-archeologico in auge 2000 anni fa

Gladiatores Pompeiorum: suggestivo spettacolo storico-archeologico in auge 2000 anni fa

384
Tempo di lettura: 2 minuti
Gladiatores Pompeiorum

Gladiatores Pompeiorum: suggestivo spettacolo storico-archeologico in auge 2000 anni fa, riportato alla luce all’Archeo Teatro Pompeiano. Gli spettatori saranno presi dalla teatralità delle scene, con lo stesso pathos incandescente accumulato nell’arena durante i combattimenti.

Presso l’Archeo Teatro Pompeiano, un’associazione culturale dedita alla diffusione, tramite delle vere e proprie nuove interpretazioni, di tutto ciò che fa cultura, andrà in scena il suggestivo spettacolo Gladiatores Pompeiorum, una sorta di rievocazione dei combattimenti nell’arena, di oltre duemila anni or sono. Gli spettatori saranno presi totalmente dalla teatralità di quelle scene con lo stesso pathos e tensione che si accumulava a quei tempi nel corso delle sfide.
In realtà l’Archeo Teatro, rappresenta una produzione dell’A.R.S.ovvero Antiquarum Rerum Scentia, che tradotto letteralmente, sta per conoscenza delle cose antiche. Tuttavia il termine latino può essere visto anche come artigianato ed in particolare arte. L’acronimo A.R.S. contempla sia l’obiettivo che lo strumento: l’obiettivo è la conoscenza del passato, mentre lo strumento è l’arte.
L’arte vista come un mezzo che si pone al servizio della storia antica. Il motto degli associati è Ludendo Docere, famosa espressione dei latini che significa insegnare, giocando, divertendosi. Attualmente tale espressione rappresenta l’idea di divulgare il sapere per mezzo di canali, assolutamente nuovi e non usuali. L’opportunità di potersi servire della conoscenza del sapere, sempre e dappertutto.
Tornando allo spettacolo Gladiatores Pompeiorum, in esso vengono riportate in vita le vicende di Marco Attilio, personaggio dell’antica Roma, il quale non avendo lavoro si ritrova nell’arena, ad affrontare il campione dei campioni, Ilario. L’episodio è tratto da un graffito trovato su di una tomba, a Pompei, presso la Necropoli di Porta Nocera, da un appassionato  che, colpito dallo straordinario successo sportivo di Marco, ha voluto raffigurarlo su di un muro, per trasmetterlo ai posteri.
Protagonisti di questa avvincente storia sono: il temerario Marco Attilio, il tremendo avversario Hilario, l’ingordo lanista Ampliato, il fiero appaltatore Valente, il capitalista Aulo Umbricio Scauro e tutta la schiera di pescivendoli e salsamentari di Pompei. Una cosa è certa: tutti gli spettatori si caleranno nei panni degli antichi abitanti di Pompei, assorti nella performance teatrale, come se vivessero in prima persona  la stessa emozione che  avvolgeva gli animi dei combattenti.
Oltre ad attori professionisti e stuntmen collaudati, lo spettacolo si avvarrà dell’interazione tra il linguaggio teatrale e quello marziale, per riuscire  a comunicare, grazie alla meraviglia che ne consegue, i valori storico-archeologici dell’epoca. Lo spettacolo Gladiatores Pompeiorum,viene rappresentato  in due versioni, una prima normale della durata di 45 minuti ed una seconda più lunga di 75. In quest’ultima lo spettacolo all’interno dell’ArcheoTeatro è preceduto da un antefatto narrativo. In definitiva potranno assistere alla rievocazione di quelle vicende, studenti di ogni età, partendo dalla scuola elementare fino all’Università. Tutti infatti saranno presi dai contenuti storici ed artistici.

Rispondi