Home Calcio Questo pazzo campionato di serie A: il Napoli da -9 a -4,...

Questo pazzo campionato di serie A: il Napoli da -9 a -4, dalla Juve, in sei minuti romanzeschi

174
Tempo di lettura: 2 minuti

Questo pazzo campionato di serie A: il Napoli da -9 a -4, dalla Juve, in sei minuti romanzeschi. Gli azzurri, dopo il successo rocambolesco per 4 a 2, sull’Udinese, tornano a cullare il sogno tricolore. Il big match della verità è alle porte; domenica, allo Stadium, si decideranno, molto probabilmente, le sorti di questo torneo.

Questo pazzo campionato di serie A, ieri sera, nel turno infrasettimanale ci ha regalato moltissime emozioni, in particolare ai tifosi azzurri, i quali sono passati dallo scoramento del meno 9 dalla Juventus capolista, alla felicità del meno 4 in soli sei minuti che definirei romanzeschi. Dopo il successo per 4 a 2 sui friulani ed il contemporaneo mezzo passo falso bianconero, gli azzurri, con il big match dell’anno alle porte, tornano a cullare il sogno tricolore. Fino ad ieri i tifosi juventini avevano ancora in mente quella spettacolare rovesciata nella partita di andata con il Real, di Cristiano Ronaldo che non li aveva fatto dormire la notte.
Arkadiusz Milik, noto anche con il diminutivo Arek ph.tvphoto
Questo pazzo campionato. Ebbene, come se non bastasse, a Crotone, nel turno infrasettimanale appena disputato, ecco ripetersi quel gesto, che con le dovute proporzioni ricorda vagamente quello dell’attaccante portoghese. Ma stavolta si tratta di un calciatore semisconosciuto, di nazionalità nigeriana, approdato quasi per caso in Calabria, il quale ha l’ardire di realizzare, con quella rovesciata folle, il gol del pareggio dei calabresi che permette alla squadra di Sarri di accorciare le distanze dalla vetta. La sua prodezza si è rivelata la molla giusta che ha fatto scatenare il Napoli, nella doppia pazzesca rimonta contro l’Udinese.
Quell’inaspettato più nove dei bianconeri sul Napoli, con tanto di festeggiamenti da programmare, si è così trasformato in un +4 che resta pur sempre rassicurante, tuttavia costringerà gli uomini di Allegri a non perdere domenica sera allo Stadium nello scontro diretto. In caso di sconfitta, infatti la Juve si ritroverebbe con un  solo punto di vantaggio a 4 partite dalla fine, ma con  trasferte a San Siro contro l’Inter ed all’ Olimpico, contro la Roma molto rischiose. Quella vista allo Scida è sembrata la Juve più brutta della stagione, forse peccando di presunzione ha sottovalutato il Crotone che ha giocato una signora partita, meritando ampiamente il pareggio.
Dal canto suo il Napoli ringrazia il Crotone, ma in primis il pubblico del San Paolo, che alla notizia del pari dei calabresi è esploso in un fragoroso  boato, incitando gli azzurri verso una  rimonta che sembrava impossibile. In soli sei minuti le reti di Albiol, Simy e Milik hanno più che dimezzato il distacco dalla Juve. Ora il Napoli può andare a Torino col morale alto e  senza eccessive pressioni: la compagine di Allegri resta la favorita, su questo non c’è dubbio, tuttavia, vincere allo Stadium non è un’utopia. Questo Napoli è capace di tutto, nel bene e nel male. Sta di fatto che questo pazzo campionato con tutti traguardi  ancora in gioco: lotta scudetto, zona Champions, zona Europa League e lotta salvezza, a cinque giornate dalla fine, si fa sempre più affascinante.

Rispondi