Home Reportage Sentiero degli Dei: un’avventura irripetibile in Costiera Amalfitana

Sentiero degli Dei: un’avventura irripetibile in Costiera Amalfitana

347
Tempo di lettura: 6 minuti

Incastonato tra Agerola e Positano, c’e’ un percorso fantastico, dipinto nella natura, in grado di farci viaggiare indietro nel tempo ed in là con l’immaginazione: stiamo parlando del Sentiero degli Dei, meta ogni anno, di migliaia di turisti.

Sentiero degli Dei: Per godere a pieno del panorama fantastico che ci offre, si consiglia di percorrerlo dall’alto in basso. La passeggiata, comincia precisamente dalla ridente cittadina di Agerola (frazione Bomerano), collocata a 650 metri sul livello del mare, per terminare dopo circa 7 km a Nocelle, piccola località di Positano. Da qui, è possibile quindi attraversare l’antico tracciato dei coloni ellenici, una volta ricco di templi, per giungere fino alla stupenda Positano.

Grande fascino.

Il luogo, conserva ancora intatto, tutto il suo fascino, e nel corso degli anni ivi hanno trovato ispirazione sia poeti che letterati. Il grande Italo Calvino, descrisse in particolare il Sentiero degli Dei come “quella strada sospesa sul magico golfo delle “Sirene”, solcato ancora oggi dalla memoria e del mito”, ed è proprio con questa frase impressa su una targa in ceramica che comincia questo fantastico percorso che rappresenta un vero e proprio vanto per tutti gli abitanti che popolano la Costiera Amalfitana. Il Sentiero degli Dei, conserva ancora il suo antico fascino Medievale, perché non è stato, per fortuna, toccato dalla mano dell’uomo. Nessuno ha osato, difatti, profanare l’indicibile bellezza del luogo, neanche le intemperie sono riuscite a modificare nel tempo la morfologia e l’aspetto di questa lingua di strada le cui rocce custodiscono gelosamente le storie dei popoli che vi hanno vissuto.

Viaggiare nel tempo.

Passeggiando lungo il costone, sembra quasi di viaggiare nel tempo e si prova ad immaginare quanti contadini, monaci o emissari, abbiano lasciato qui le loro orme, per i più disparati motivi: per trasportare merci o magari per portare anche soltanto un messaggio a qualcuno. E magari, gli animi più sensibili, possono provare per un attimo a chiudere gli occhi e ad immaginare il rumore della nave di Ulisse che solcando le acque azzurre del Tirreno, giunge in questo piccolo Paradiso terrestre. In realtà, basta soltanto respirare l’intenso odore della vegetazione circostante, per accendere la nostra immaginazione ed immergerla nello sconfinato mondo della mitologia. In questo luogo, sono stati tanti i ritrovamenti di fossili marini e nelle grotte si avverte tutto il fascino primordiale di una vita che si rigenera continuamente. Una di queste in particolare, ovvero la Grotta del Biscotto, ospita delle case secolari. I tratti di belvedere e di bosco che cingono la strada, quasi si inseguono e lasciano spazio ai contadini che percorrono ogni giorno quello che non è solo un itinerario turistico ma la via più breve che collega le varie frazioni. Soprattutto in estate, si possono incontrare muli carichi di frutti e di ogni bontà che la terra fertile del posto, regala ogni stagione.

Avventura irripetibile.

Insomma, il Sentiero degli Dei è un’avventura unica ed irripetibile e tra l’altro, neanche molto faticosa. Tutto ciò che occorre è dotarsi di scarpe comode e di una colazione a sacco e…. via! Nella piazzetta di Agerola, c’è un infopoint e chi lo desidera, può recarvisi per prendere la guida e la mappa, molto utile per studiare il percorso che è comunque sufficientemente contrassegnato da una segnaletica bianca e rossa che impedisce di perdersi. Esistono due percorsi diversi, quello “alto” e quello “basso”. Quello che parte dalla punta di Bomerano e si conclude a Santa Maria del Castello, è leggermente più complicato poiché si sviluppa in altezza. Il sentiero basso, invece, termina a Nocelle ed è quello più comodo e preferito in assoluto dai turisti. Il panorama che è possibile scorgersi da ambedue i percorsi, è identico con le rocce a picco sul mare e la Costiera Amalfitana in bella vista, in tutto il suo splendore.

Luoghi meravigliosi.

Quello basso, è reso ancor più interessante dalla presenza di luoghi particolari come il Colle Serra su cui è stata posta una stele di roccia con sopra impressa un’epigrafe in memoria di Ettore Paduano, un’escursionista che ha avuto il merito di scoprire il percorso e che si è dedicato anima e corpo ad esso. Da qui in poi, si estende in basso la vallata che conduce alla pittoresca Praiano. Il Cammino degli Dei, è inoltre dotato di comfort per chi vuole rinfrescarsi ed effettuare piccole soste, con panchine collocate in punti strategici, da cui si possono ammirare i famosi Faraglioni dell’Isola di Capri, Punta Penna, la catena dei Monti Lattari, il Monte Comune ed il Monte San Costanzo. Dopo una serie di salite de discese, si arriva al Monte Sant’Angelo a tre punte (tre Pizzi) dove, in lontananza, si comincia a vedere la meta: la splendida Positano, perla della Costiera che soprattutto in estate, brulica di vita. Prima, però, di lasciarsi trasportare dall’atmosfera allegra, colorata e festosa della cittadina poc’anzi menzionata, si deve continuare a camminare e attraversare Vallone Porto, dove si trovano una cascata ed un canyon che non ha nulla da invidiare a quelli americani. Ciò che colpisce maggiormente, è la biodiversità che popola la zona, che quasi imbarazza il turista per farlo sentire un intruso in un microcosmo in cui a farla da padrone sono vegetali ed animali.

Come arrivare con i mezzi pubblici.

Il Sentiero degli Dei è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Le corse dei pulmann Sita, partono da Napoli, Amalfi e Castellammare di Stabia. Il costo del biglietto è variabile a seconda della distanza e si può acquistare nelle rivendite autorizzate. Da Napoli, si parte dal capolinea presso varco Immacolatella ma anche da via Marina porta di Massa, con fermata in via Ferraris (INPS). A Castellammare di Stabia invece, il punto di ritrovo è costituito dalle terme nuove con varie fermate nel centro della città che si possono facilmente consultare dal sito dell’azienda di trasporti. Da Amalfi, infine, la partenza è prevista da Piazza Flavio Gioia dove c’e’ un pulmann diretto che porta ad Agerola (Bomerano), la frazione del comune montano dove ha inizio la nostra escursione.

Consigli utili sull’escursione.

Ci sono tanti tour operator che mettono a disposizione guide esperte per scoprire tutti i segreti del Sentiero degli Dei. La durata del tragitto è di 4 ore e 30 minuti per un totale complessivo di 10 km. L’inizio dell’escursione è solitamente fissato al mattino, con una pausa pranzo prevista per rifocillarsi. Si può pranzare anche all’arrivo a Positano in un caratteristico ristorante del posto oppure decidere di proseguire la visita nella cittadina marinara, prima poi di imboccare la strada per il ritorno. Il Sentiero, offre anche la possibilità di fare escursioni alternative, non previste nel tracciato. In questo caso, non si parte da Agerola bensì da Vettica Maggiore, una località poco distante e attraverso una scala poco faticosa, in circa mezz’ora si può giungere a San Domenico, un suggestivo complesso religioso situato a 400 metri di altezza.

Qui, dopo la visita alla chiesa di Santa Maria a Castro ed al convento domenicano risalente al XVI secolo, si riparte attraverso un sentiero immerso nella macchia mediterranea. Ad un certo punto, questo percorso si interseca con quello del Sentiero degli Dei e che porta alla frazione di Nocelle, dove attualmente vivono soltanto 150 persone e dove è sito un ristorante che offre un menù a base di piatti tipici locali. Dopo tale sosta, è possibile scegliere di proseguire fino a Positano oppure prendere il più comodo pulmann, per risparmiarsi ulteriore fatica. Il Sentiero è percorribile in qualsiasi stagione ma occorre ricordarsi di portarsi sempre dietro con sé una giacca impermeabile, la crema solare e gli occhiali da sole. Chi però soffre di vertigini, farebbe bene a rinunciare a tale scelta perché per raggiungere Positano, si sale molto di quota visto che è l’unico paese al mondo concepito su un asse verticale. La sua conformazione rocciosa, ha difatti impedito il suo sviluppo in orizzontale.

Dove alloggiare.

In Costiera ci sono numerose strutture ricettive di buon livello per soddisfare ogni nostra esigenza. Sia nei comuni più grandi come Amalfi, Positano e Ravello, che in quelli limitrofi, è possibile pernottare a prezzi decisamente vantaggiosi in tutte le stagione. Per organizzare una vacanza da sogno in questi posti incantati, vi consigliamo di muovervi con anticipo, per scegliere la soluzione più adatta a voi.

Rispondi