Home Attualità Sebastiao Salgado, Genesi:Napoli Pan immagini straordinario fotografo

Sebastiao Salgado, Genesi:Napoli Pan immagini straordinario fotografo

614
Tempo di lettura: 1 minuto
Sebastiao Salgado, Genesi:da domani al Pan immagini ultimo lavoro dello straordinario fotografo contemporaneo

Sebastiao Salgado, Genesi: parte da domani e fino al 28 gennaio 2018, al Pan di Napoli la mostra delle immagini dell’ultimo lavoro dello straordinario fotografo contemporaneo.

Da domani 18 ottobre 2017 e fino al 28 gennaio 2018, al Pan di Napoli si terrà la mostra delle immagini dell’ultimo lavoro del più grande fotografo dei nostri tempi, vale a dire Sebastiao Salgado. Questa mostra prende spunto da un percorso atto a scoprire tutte le bellezze nei luoghi più remoti ed nascosti del globo terrestre che si è consumato in 8 anni.

Curatrice dell’esposizione, Lélia Wanick Salgado su progetto di Contrasto e Amazonas Images, la mostra peraltro, risultato del connubio tra Civita Mostre ed assessorato alla cultura ed al turismo del comune della città partenopea è già stata apprezzata in un tour internazionale che ha riscosso un enorme successo.

In realtà il messaggio di Genesi di Sebastiao Salgado è assolutamente  attuale, poiché pone al centro dell’attenzione  l’argomento preservazione del pianeta terra e dell’ imprescindibile bisogno di vivere in un rapporto più armonioso con il nostro ambiente.

245 eccezionali immagini che formano  un itinerario fotografico in  bianco e nero, ma di grande incanto, la mostra del fotografo Sebastiao Salgado immortala la rara grandezza del patrimonio unico e prezioso, di cui noi disponiamo, ossia il nostro pianeta.

Per la cronaca l’esposizione viene ripartita in cinque sezioni che ricalcano i territori in cui  Sebastiao Salgado ha realizzato le sue straordinarie fotografie: Il Pianeta Sud, I Santuari della Natura, l’Africa, Il grande Nord, l’Amazzonia e il Pantanàl.

Il fotografo ha vissuto fisicamente immerso nella natura, delle Galapagos tra tartarughe giganti, iguane e leoni marini, quindi ha viaggiato tra le zebre e gli animali selvatici che calcano le foreste del Kenya e della Tanzania andando incontro al richiamo  della natura alla migrazione. Un viaggio unico alla scoperta del nostro ambiente, che va preservato.

Rispondi