Home Attualità Funiculì funiculà, la prima canzone pubblicitaria napoletana

Funiculì funiculà, la prima canzone pubblicitaria napoletana

441
Tempo di lettura: 2 minuti
funiculi funicula la prima canzone pubblicitaria napoletana di successo mondiale
La funicolare del Vesuvio in una cartolina dell’epoca

Funiculì funiculà, la prima canzone pubblicitaria napoletana.

Funiculì funiculà composta dal musicista Luigi Denza e dal giornalista Peppino Turco nel 1880 per celebrare, ma sopratutto per promuovere, la nuova Funicolare che portava sul Vesuvio, inaugurata in quell’anno, è stata la prima canzone ad uscire fuori dall’Italia, ascoltata e cantata in tutto il mondo.

Si narra infatti che dopo l’inaugurazione, la Funicolare del Vesuvio, non avesse avuto un grande successo di pubblico e di incassi. I numerosi turisti che volevano visitare il “vulcano terribile”, continuavano infatti, a salire utilizzando muli o servendosi dei “portantini”, un po’ per tradizione, un pò perchè si riteneva il mezzo troppo futuribile, ma anche perchè rimaneva certamente una passeggiata più romantica.

Si pensò quindi di creare una apposita canzone definita all’epoca “canzone d’occasione”. Una canzone di successo che sarebbe dovuta servire a pubblicizzare la Funicolare, come efficace  mezzo di trasporto.

Ed ecco che nacque così, ben 137 anni fà, Funiculì Funiculà la prima canzone con musica e testo studiati per la pubblicità. Il brano fu presentato al pubblico, in occasione della festa di Piedigrotta di quell’anno.  In breve Funiculì Funiculà divenne un successo conosciuto e cantato ancora oggi in tutto il mondo.

In un solo anno nel 1880 la casa editrice Ricordi che incise, pubblicò e distribuì il brano in molti paesi,  arrivò a vendere più di un milione di copie. Un avvenimento unico per la storia della musica mondiale, e della canzone napoletana.

funiculi funicula la prima canzone pubblicitaria napoletana di successo mondiale
funiculi funicula la prima canzone pubblicitaria napoletana di successo mondiale

 

Il testo originale di Funiculì Funiculà in lingua napoletana

Aieressera, Nanninè, me ne sagliette,
tu saie addó?
Addó ‘stu core ‘ngrato cchiù dispiette farme nun pò!
Addó lo fuoco coce, ma si fuje
te lassa stà!
E nun te corre appriesso, nun te struje, ‘ncielo a guardà!…
Jammo, jammo, ‘ncoppa, jammo ja’,
funiculì, funiculà!

Ne’… jammo da la terra a la montagna!
no passo nc’e’!
Se vede Francia, Proceta e la Spagna…
Io veco a tte!
Tirate co la fune, ditto ‘nfatto,
‘ncielo se va.
Se va comm’ a lu viento a l’intrasatto, gue’, saglie sa’!
Jammo, jammo ‘ncoppa, jammo ja’,
funiculì, funiculà!

Se n’è sagliuta, oi Nè, se n’è sagliuta
la capa già!
È gghiuta, po’ è turnata, po’ è venuta…
sta sempe ‘ccà!
La capa vota, vota, attuorno, attuorno,
attuorno a tte!
Sto core canta sempe nu taluorno
Sposammo, oi Nè!
Jammo ‘ncoppa, jammo ja’,
funiculì, funiculà!

La traduzione in italiano

Ieri sera, Annina, me ne salii,
tu sai dove?
Dove questo cuore ingrato non può farmi più dispetto
Dove il fuoco scotta, ma se fuggi
ti lascia stare!
E non ti corre appresso, non ti stanca,
a guardare in cielo!…
Andiamo su, andiamo andiamo,
funiculì, funiculà!

Andiamo dalla terra alla montagna!
non c’è un passo!
Si vede Francia, Procida e la Spagna…
Io vedo te!
Tirati con la fune, detto e fatto,
in cielo si va.
Si va come il vento all’improvviso,
sali sali!
Andiamo su, andiamo andiamo,
funiculì, funiculà!

Se n’e’ salita, Annina, se n’è salita
la testa già!
È andata, poi è tornata, poi è venuta…
sta sempre qua!
La testa gira, gira, intorno, intorno,
intorno a te!
Questo cuore canta sempre un giorno Sposami, Annina!
Andiamo su, andiamo andiamo,
funiculì, funiculà!

Rispondi