Home Attualità La Terra : 10 incredibili curiosità che non conoscevamo sul pianeta in...

La Terra : 10 incredibili curiosità che non conoscevamo sul pianeta in cui viviamo

666
Tempo di lettura: 5 minuti
La terra il pianeta in cui viviamo

La Terra: 10 incredibili curiosità che non sapevamo sul pianeta in cui viviamo

La Terra è il pianeta su cui viviamo, ed è anche quello che conosciamo meglio di tutti gli altri. Tuttavia, ci sono tantissime curiosità da sapere e da scoprire, tra le quali quelle che vi mostriamo di seguito.

Il nostro pianeta, la Terra, è l’unico pianeta del sistema solare ad ospitare la vita, e l’unico sul quale, probabilmente, l’uomo riuscirà a vivere ancora per molti anni. Visto che ci viviamo continuamente, sembra di conoscerlo bene, quando invece non è così: per questo motivo, in questa lista abbiamo raccolto una serie di curiosità naturali sulla Terra davvero incredibili, nonostante siano poco conosciute: alcune possono cambiare, addirittura, il modo con cui vediamo il nostro pianeta!

10. Ogni anno il Sahara trasporta tantissima sabbia nella Foresta Amazzonica

La terra -sahara-deserto

Sembra incredibile che due posti così lontani tra loro come il Sahara, che si trova sopra all’equatore, e la Foresta Amazzonica, che si trova sotto e tra i due c’è un oceano intero, siano così strettamente legati. In realtà, il vento che parte dal deserto riesce a portare, ogni anno, ben 40 milioni di tonnellate di sabbia alla Foresta Amazzonica, e si pensa che sia stato proprio questa particolarità a permettere la crescita del continente sudamericano, in passato. Non ce ne rendiamo conto, ma se questo processo va avanti per migliaia di anni qualcosa, alla fine, succede.

9. L’oro non è poi così raro

Se pensate che l’oro sia raro come vogliono farci credere, in realtà vi state sbagliando, perché è molto più comune di quanto pensiamo. Il 99% di tutto quello presente nella Terra si trova nel nucleo, per cui è irraggiungibile, ma parte ne viene fuori, attraverso il movimento dei materiali dall’interno all’esterno del nostro pianeta. Se fosse stato troppo raro, sarebbe stato impossibile distribuirne abbastanza da farlo diventare un metallo di valore.

8. L’acqua a nostra disposizione è pochissima…

La terra - Acqua

La maggior parte dell’acqua presente sulla Terra, per non dire quasi tutta, è irraggiungibile per noi. infatti, il 97% dell’acqua del nostro pianeta è acqua salata, e del rimanente 3% il 70% si trova nei ghiacciai, ed è quindi irraggiungibile. Ne rimane quindi l’1%, ma anche di quest’acqua noi non possiamo raggiungerne la maggior parte perché è sotterranea e non raggiungibile: quindi, quella che ci resta è davvero poca, e questo spiega anche le frequenti siccità estive.

7. Ci sono più di 8 milioni di fulmini all’anno

Ogni anno, il nostro pianeta è colpito da più di 8 milioni di fulmini, praticamente un fulmine per ogni abitante di una città grande come Roma. I fulmini ci sembrano pochi perché ci riguardano solamente quando, da noi, arriva un temporale: in realtà in ogni momento, in qualche parte del mondo, c’è un temporale, e questo aumenta a dismisura il numero di fulmini che si trovano in tutto il mondo.

6. Perché la Terra è così luminosa

Se guardiamo il nostro pianeta nelle foto spaziali, ci rendiamo conto che è molto più luminoso rispetto agli altri pianeti che possiamo vedere. Il motivo è semplicemente l’acqua: essendo la maggior parte del nostro pianeta ricoperto dai mari, questi sono in grado di riflettere la luce del sole, della luna e delle stelle, e così sembra che la Terra sia in grado, quasi, di brillare di luce propria: il motivo è solo l’acqua che ci circonda.

5. Esistono dei laghi velenosi

Sembra incredibile, ma sul nostro pianeta esistono anche una serie di laghi che sono velenosi. Sono tre, e si trovano sulla sommità dei vulcani, per cui ciò che si trova sotto può influenzare la composizione dell’acqua; in particolare, spesso succede che dai laghi fuoriescano delle bolle di anidride carbonica, che causano il soffocamento degli animali che si trovano lì intorno. Teoricamente, se la bolla fosse grande il lago potrebbe addirittura esplodere, facendo schizzare l’acqua (calda) tutto intorno; per questo, intorno a questi laghi non abita nessuno.

4. Ci sono anche rocce che si muovono da sole!

La terra- death-valley le pietre si muovono da soleIn alcuni punti della Death Valley, in America, ci sono delle rocce che si muovono da sole. In pratica, la mattina si trovano in un posto diverso da quello del giorno precedente, senza che nessuno le abbia spostate. Il mistero è rimasto tale per molti anni, poi si è capito che il movimento è dovuto al vento, aiutato da uno strato di ghiaccio che si forma sul terreno sul quale le rocce scivolano. Questo crea un movimento automatico delle rocce.

3. La gravità non è la stessa dappertutto

La Terra non è un pianeta perfettamente sferico, ma è più simile ad un’ellisse tridimensionale, nel senso che ai poli è leggermente schiacciata. Questo ha come conseguenza il fatto che non tutti i posti della Terra hanno la stessa forza di gravità: alcuni, infatti, sono meno soggetti a questa forza perché (al livello del mare) più lontani dal centro della terra. La differenza, tuttavia, non è percepibile per il corpo umano.

2. Sappiamo più di quello che ci circonda che non del nostro pianeta

La Terra - non la conosciamo bene

Potrebbe sembrare incredibile, ma ad oggi conosciamo meglio lo spazio, almeno quello che ci circonda, che non il nostro pianeta. Del nostro mondo conosciamo infatti benissimo la superficie, ma non ciò che sta più in basso: il 95% degli oceani ad oggi non è stato ancora esplorato, mentre del centro del nostro pianeta non sappiamo pressoché nulla, a parte le teorie scientifiche che hanno ipotizzato come possa essere strutturato!

1. Il Buco nell’Ozono si sta chiudendo

Sicuramente, a proposito dell’inquinamento, avrete sentito parlare del Buco nell’Ozono, che con la sua espansione mette in pericolo il continente antartico. In realtà, il buco oggi si sta chiudendo, e non da poco: la massima espansione è stata raggiunta nel 2000, ben 17 anni fa. Proseguendo di questo passo, gli esperti stimano che per la chiusura completa bisognerà aspettare il 2050: questo è merito della maggior attenzione all’ambiente che ha caratterizzato gli ultimi anni.

 

credit:© Wikimedia

Rispondi