Home Attualità L’Armonia delle cose nascoste di Carlo Marrale al PAN di Napoli

L’Armonia delle cose nascoste di Carlo Marrale al PAN di Napoli

2842
Tempo di lettura: 2 minuti
Carlo Marrale - Ph Canzanella

L’Armonia delle cose nascoste di Carlo Marrale, al PAN di Napoli

“È bene prestare attenzione ai corpuscoli che vedi agitarsi nei raggi del Sole: perché quel turbinio ti suggerisce che ci sono più cose al mondo, di quante ne appaiano a prima vista ai nostri sensi.”

Carlo Marrale, artista poliedrico, non solo affermato chitarrista/autore/cantante, ma anche fotografo e pittore. Terminata nel 1993 la sua avventura con i Matia Bazar di cui è stato tra i fondatori, ha intrapreso una carriera solista, continuando a scrivere e produrre musica in Italia e all’estero.

Carlo Marrale Pan Napoli
Carlo Marrale e le sue opere – Ph Canzanella

“Non si possono soltanto definire fotografie, quelle realizzate da Carlo Marrale, ma opere fotografiche, dove il fine non consiste nella abilità nell’uso della macchina fotografica, normalmente destinata a fissare la realtà nella sua apparenza, bensì si eleva a pura arte, capace di evocare realtà profonde e misteriose.

Carlo Marrale, usa il mezzo fotografico come il musicista lo strumento e il pittore il pennello. L’effetto ottenuto è tale da trascendere il mezzo con cui è stato realizzato, rendendolo non facilmente individuabile.

Le sue opere, infatti, parlano il linguaggio dei colori e quello sublime della musica, che non rappresenta né definisce, ma apre mondi all’emozione, all’intuizione e all’interpretazione personali: è l’espressione artistica della non-forma, che non solo comunica senza parole o immagini definite, ma soprattutto porta alla luce il mondo interiore di ciascuno attraverso vibrazioni cromatiche e suggestioni”.

“La lettura dell’opera si trasforma così in auto rivelazione dell’osservatore stesso, che vede fuori ciò che in realtà ha dentro.  L’arte di Marrale sceglie il particolare e lo ingrandisce, al punto tale che esso si trasfigura e si muta in altro: il microcosmo diviene macrocosmo, l’insignificante acquista significato e il nulla si rivela tutto”.

Carlo Marrale e le sue opere – Ph Canzanella

Così una molecola di ruggine o di vernice si trasforma in vastità di suggestioni emotive e interpretative, in cui aleggia (L’Armonia delle cose nascoste), nascoste non fuori, ma dentro ognuno di noi”.

L’Armonia delle cose nascoste” di Carlo Marrale

Dal 18 al 28 maggio nel Foyer del PAN

La Mostra é stata organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Rispondi