Home Cultura Gino Sorbillo “Questi fantasmi” il monologo del caffè

Gino Sorbillo “Questi fantasmi” il monologo del caffè

572
Tempo di lettura: 2 minuti
eduardo foto-sorbillo-balcone-610 by Photox ©2016

Incredibile è la famosa commedia teatrale “Questi fantasmi” del grande Eduardo de Filippo. 

Incredibile il personaggio del Professore Santanna, vera invenzione teatrale di EduardoIn “Questi fantasmi” non compare mai, non si sente mai, eppure la sua è una presenza evidentissima. Il Professore sta, infatti, sempre al suo balcone ad osservare tutto quello che succede a casa di Pasquale Lojacono, e ovviamente ha compreso perfettamente quali siano gli eventi che si stanno svolgendo in quella “misteriosa” casa; ha notato, infatti, la continua presenza dell’amante della moglie ed è quindi ben lungi dal pensare a un fantasma!  

Anzi riesce indirettamente anche a suggerirlo al buon Pasquale, nella famosa scena del monologo del caffè: dove il protagonista mostra il “becco” di carta (coppetiello) da lui ideato per ottimizzare il funzionamento della sua tradizionale caffettiera napoletana; il professore ascolta il termine “becco” e, invece di volgere lo sguardo alla caffettiera, guarda Pasquale: il “becco” è lui!

eduardo foto-sorbillo-balcone-610 by Photox ©2016    eduardo foto-sorbillo-balcone-610 by Photox ©2016

A questa scena, ci siamo ispirati, per coinvolgere il talentuoso ed eclettico chef e “artista della pizza napoletana” Gino Sorbillo in una simpatica “ricostruzione fotografica” che riproduce lo spirito teatrale e confidenziale del personaggio in tutta la sua napoletanità.

eduardo foto-sorbillo-balcone-610 by Photox ©2016  gino sorbillo ph iPhotox©2016  eduardo foto-sorbillo-balcone-610 by Photox ©2016 

La scena è stata realizzata a Napoli sul caratteristico balconcino della Pizzeria Sorbillo, appunto in Via dei Tribunali, così come l’appartamento all’ultimo piano di un palazzo seicentesco (in Via dei Tribunali 176), quell’enorme casa (18 camere e 68 balconi), della commedia.

(Photo by iPhotox©2016)

Rispondi